RECENSIONI dei libri di Emanuela Rocca

 COPERTINA DEFINITIVA BIANCO E NERO

Commento di un lettore
Ciao Manu. Ho finito di leggere il tuo Bianco e Nero. Un triller di sesso commisto di seduzione portata all’esasperazione erotica. Devo esprimerti la mia ammirazione per come ti sei saputa celare nella parte di ogni attrice dei vari episodi, mettendo piacevolmente a nudo la tua femminilità e il desiderio recondito di vivere quei momenti descritti, con pathos e naturalezza. Pur non conoscendoti personalmente, mi espongo nel dirti che solo una Donna matura e sensuale come te, poteva sbattere in faccia al lettore senza rete di protezione, momenti e particolari di grande efficacia erotica al limite della censura editoriale. Chi leggerà il libro sarà con la bava alla bocca, Brava

Gianni Tomaselli Scrittore

**********************************************************

recensione TOCCI EDITORE

Cinzia Tocci Editore
Ci sono silenzi che valgono più di mille parole.
Ofle tra i due mondi è il libro di Emanuela Rocca che mi ha accompagnata nei brevi giorni di vacanza, una favola moderna che fa guardare il mondo e ripensare il futuro con occhi diversi. Un libro che fa anche sognare.**********************************************************

http://ilgiallista.blogspot.it/2013/02/news-il-sole-e-la-luna-di-emanuela-rocca.html

Cerca

Destinazione Libri

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l’infinito…perchè la lettura è un’immortalità all’indietro” cit..Umberto Eco

Cosa leggere oggi? Ofle Tra i due mondi di Emanuela Rocca

OFLE

Dalla nostra recensione di qualche tempo fa di Veronica…

 

Questo libro vi farà scoprire due mondi paralleli, quello di Ofle, il mondo incantato pieno di fate, elfi, maghi, gnomi, dove l’odio non esiste, dove si impara solo la parola amore, dove tutti gli abitanti si conoscono e si aiutano tra di loro.

E poi…  il mondo di Ori, il nostro mondo, completamente opposto. Viene descritta la città di New York, dove gli abitanti litigano, usano armi da fuoco, dove esiste la malattia e l’odio…….

Un libro da leggere, da scoprire. sono sicura che ve ne innamorerete come ce ne siamo innamorate noi.

Buona lettura

Alessandra

questo il link:  https://destinazionelibri.com/2016/02/11/cosa-leggere-oggi-ofle-tra-i-due-mondi-di-emanuela-rocca/

Magazine Cultura

OFLE TRA I DUE MONDI di Emanuela Rocca

Creato il 01 febbraio 2014 da Linda Bertasi @lindabertasi

OFLE TRA I DUE MONDI di Emanuela Rocca
Titolo: Ofle tra i due mondi
Autore: Emanuela Rocca
Editore: A.P.ED
ISBN:  889-08-4265-2
Pagine: 187
Prezzo: 20,00 €
Dove trovarlo:www.emanuelaroccascrittrice.com

‘ «Cos’è un miracolo?»
  « Un miracolo per noi è qualcosa che accade all’improvviso e ti cambia la vita in meglio.»’
Immaginate un mondo dominato da un tripudio di colori, dove gli abitanti sono cordiali e coesistono, aiutandosi l’un l’altro, immaginate un mondo dove Madre Natura culla con una profumata carezza i suoi frutti, immaginate un mondo dove l’odio e l’inimicizia sono parole incomprensibili. Ora aprite gli occhi e avrete davanti il mondo incantato da cui proviene Ofle, l’elfo.
E poi immaginate un mondo che sia tutto l’opposto, dove gli abitanti sono divorati da odio e rancori, immaginate un mondo dove serpeggia la malattia, eterna compagna della morte di nero vestita. Un mondo dove le armi da fuoco e la violenza sono all’ordine del giorno e un sorriso è merce rara. Avrete davanti il mondo in cui vive la piccola Ori: una caotica e affaccendata New York demolita dallo scorrere frenetico del tempo.
OFLE TRA I DUE MONDI di Emanuela Rocca
Questi due mondi sono paralleli gli uni agli altri ma non si sfiorano mai se non con il fiato della fantasia e dei sogni che Ori custodisce dentro di sé. Una vacanza in Irlanda, in una baita tra i boschi, muterà radicalmente ciò in cui lei crede e lo stesso varrà per Ofle, l’elfo che vive oltre la barriera dell’ invisibile. I due riusciranno a infrangere i confini che li tengono separati, dando inizio a un magico viaggio inaspettato.
Questo è un romanzo che ti entra dentro passo dopo passo, parola dopo parola. Chi ha letto Emanuela Rocca si ritroverà spiazzato e catapultato in una favola moderna, trasudante insegnamenti che, forse, abbiamo dimenticato.
Ci ritroveremo al fianco di Ori mentre cavalca pesci giganti, mentre doma la groppa di un drago in volo, per poi salire su un isola galleggiante nell’atmosfera o pernottare in un castello di ghiaccio. Saremo affiancati da fate, elfi, maghe, gnomi e la loro comunità ci apparrà tutto tranne che anomala.
Ma il romanzo di Emanuela non è solo la storia di un viaggio fantastico, è la contrapposizione netta di due mondi agli antipodi. E’ una storia  che spinge a riflettere e a porsi due domande sulla società in cui viviamo. Un mondo che spiazzerà Ofle e il lettore stesso, ormai assuefatto dal quotidiano e dai ritmi indiavolati che ci impone.
Il libro di Emanuela è un libro per sognare, è un libro che vuole stimolare l’angolo remoto della nostra mente dove ancora albergano i sogni, vuole ricordarci che non è mai finita finché continueremo a sognare perché proprio nei sogni alloggia la verità.  E forse è vero, forse bisognerebbe tornare bambini per apprezzare il verde delle foglie, il profumo dei fiori o il sorriso di una fata.
OFLE TRA I DUE MONDI di Emanuela Rocca
Non vi augurerò ‘buona lettura’ perché so già che lo sarà, ma vi chiederò di porre occhio attento e orecchio aperto, leggete questo romanzo cogliendone ogni sfumatura, ogni allegoria. Leggete questa favola con quella parte remota del vostro ‘io’ che credete troppo cresciuta ma che, in fondo, avete solo abbandonato. Scoprirete qualcosa che non avevate immaginato, scoprirete l’invisibile che ancora alberga in voi, basterà solo addentrarsi nel mondo di Ofle, aprire il cuore e lasciarvi condurre per mano dalla fantasia e da questa narratrice d’eccezione.
Buona lettura!
Linda Bertasi Scrittrice

mercoledì 27 febbraio 2013

News: IL SOLE E LA LUNA di Emanuela Rocca

http://www.facebook.com/plugins/like.php?href=http://ilgiallista.blogspot.it/2013/02/news-il-sole-e-la-luna-di-emanuela-rocca.html&layout=standard&show_faces=false&width=100&action=like&font=arial&colorscheme=light Cari amici,
vi segnaliamo il romanzo di Emanuela Rocca, IL SOLE E LA LUNA,

Autore: Emanuela Rocca

Titolo: IL SOLE E LA LUNA
Editore: Caosfera
Pagine: 246

Prezzo: € 18,00
ISBN: 9788866280439

IL LIBRO:
Questo è un attualissimo romanzo ambientato nel mondo del virtuale… La storia erotica –passionale tra due adulti che si sono conosciuti per errore su un sito dedicato ai single in cerca di un compagno.. Una storia che potrebbe essere di chiunque usa la chat come mezzo di comunicazione con gli altri… Lei, da poco lasciata dal marito dopo 24 anni di vita insieme, sconvolta per questa separazione che è stata la causa del cambiamento di tutta la sua vita…
Lui uomo solo, con problemi personali a livello psicologico. Questo romanzo, vuole innanzi tutto far riflettere sui comportamenti che si hanno nel corso della propria esistenza, vuol far conoscere l’amore, quello vero, quello del perdono, della perseveranza, dell’abnegazione, anche se con contenuti “caldi” non vuole essere un romanzo erotico, ma un romanzo realistico, che mette di fronte alle verità che nessuno ha il coraggio di confessare…e soprattutto vuol far comprendere che il virtuale a volte, può far provare emozioni e sentimenti molto forti. Perché come un cieco che non vede, ma che percepisce le forme e i colori attraverso gli altri sensi, così il virtuale aumenta la percezione delle emozioni e dei sentimenti che sono in ognuno di noi.

L’AUTORE:
Rocca Emanuela, nata a Roma Scrittrice, Poetessa, Blogger Politica e culturale Scrive articoli politici su IL CORTO – su INFORMASICILIA e su VIVICENTRO sezione Sicilia Imprenditrice. Ha il suo modo semplice e diretto di esprimere il suo pensiero e le sue emozioni Ha pubblicato il romanzo IL SOLE E LA LUNA – parte del ricavato è devoluto in beneficenza alla U.I.L.D.M. per i BAMBINI MALATI DI DISTROFIA MUSCOLARE Uscirà a breve il suo secondo libro BIANCO E NERO raccolta di Racconti brevi erotici Ha vinto 13 concorsi letterari di poesia uno di racconti brevi, due di saggi politici Le sue poesie sono edite nelle collane di poeti di Aletti Editore, Kimerik, Pagine e Cultura Fresca In attesa dell’esito del suo terzo romanzo FANTASY – Intitolato OFLE

i miei tre libri 003                                        Recensione

BIANCO E NERO di Emanuela Rocca
Ho appena terminato la lettura di “Bianco e nero”, ultima fatica di Emanuela Rocca che ho avuto il piacere di ospitare nel mio blog.

PARTE DEL RICAVATO SULLE VENDITE DI QUESTO LIBRO SARA’ DEVOLUTO ALL’ASSOCIAZIONE ‘ONLUS UILDM'(UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE).

QUARTA: Andrew è un bellissimo ragazzo, con un viso particolarmente bello e due espressivi occhi grigi. Ama pettinare i suoi capelli a spazzola, alzati sulla nuca che gli danno un tono diverso. Ha due splendide gambe, cosa rara in un uomo, e il suo corpo sembra scolpito nel marmo. E’ un grande amatore e adora le belle donne preferibilmente scure di capelli ….
… La ragazza si sedette di fronte al ragazzo e iniziò a cercare nella borsa dei fazzoletti per asciugarsi, mentre l’autista, ogni tanto dallo specchietto, guardava la scena ….
… – Ha prenotato? –
-No, sono partito all’ avventura- rispose lui sorridendole.
-Nessun problema. Vediamo se possa inserirla tra gli appuntamenti.-
-Bene- aggiunse lui sereno – Io sono qui aspetterò.- ….
…Andrea era un ragazzo meraviglioso, sembrava scolpito nel marmo, ma la sua bellezza era negli occhi, due grandi occhi grigi in un volto bellissimo, dai lineamenti duri, ma perfetti. Anche lei aveva due magnifici occhi verdi, un viso ovale con un nasino perfetto, due labbra carnose, rosse come i di una rosa …
…Da un anno si era lasciato con la sua donna e un suo amico gli aveva consigliato di entrare in chat: lì avrebbe avuto l’ opportunità di conoscere tante persone che in un altro modo non avrebbe mai potuto incontrare…

Il libro consiste in una raccolta di racconti erotici. Mi sono avvicinata in punta di piedi al nuovo edito della mia amica, in quanto non è un genere che mi stimola particolarmente, ma sono rimasta piacevolmente colpita dal contenuto.

Avevo già avuto modo di conoscere Emanuela con il suo “Il sole e la luna”, di imminente ri-pubblicazione, per il quale  ho curato anche la prefazione. Conoscevo il suo talento letterario, la sua delicatezza nel toccare certi argomenti e la sua attenzione nel rappresentare ambienti e personaggi, ma questa raccolta mi ha letteralmente spiazzato. La scrittura è scorrevole, colorata, vivida. Emanuela non si attiene solo a descrivere l’atto sessuale ma lo condisce di dettagli e particolari legati all’ambiente e alla natura dei protagonisti, ti senti catapultato nella storia, immerso nel verde di un parco o in una piscina scavata nella roccia. Ed è anche una buona occasione per conoscere luoghi, rigorosamente esistenti e visitabili, fatta eccezione per le storie ivi narrate.

‘Persino il profumo della legna nella cucina aveva un suo fascino per lei, era il profumo della casa, del focolare che non aveva mai avuto e quello squisito miele che assaporava tutte le mattine dava un gusto nuovo anche alla sua vita.’

Sin dalle prime pagine ho trovato uno stile fluido che ti entra nella pelle e ti conduce con sé per le vie dell’eros e del ‘proibito’. La caratteristica che più mi ha colpito è la velocità con cui il libro ti sfugge dalle mani e arrivi alla parola ‘fine’ senza neppure essertene accorto.

“Bianco e nero” è un viaggio che compiamo insieme all’autrice nei meandri dell’animo umano alla scoperta del sesso e dei molteplici modi di interpretarlo nella vita di tutti i giorni. I personaggi che incontriamo sono molteplici e le sfumature che li contraddistinguono spesso li collocano agli antipodi. Ce n’è per tutti i gusti: dalla coppia timorata, alla donna che usa il proprio corpo per raggiungere i propri obiettivi, dalla donna sola, al ragazzo ‘gigolò’.

‘Lei, a leggere quei messaggi e a guardarlo mentre li scriveva, si sentiva invasa da una strana, nuova emozione. Si sentiva quasi persa, aveva paura di rispondere, paura che questa specie di sogno finisse all’improvviso, Lo guardava incredula, vedeva l’emozione sul suo viso e sul suo corpo, vedeva il suo cuore battere più veloce e il respiro di lui che si faceva più rallentato.’

Il sesso ci viene mostrato in tanti scenari diversi e mai noiosi che stimolano il lettore e, a volte, lo scioccano. Si passa dall’avventura, vissuta come distrazione o come la follia di una notte, al sesso vissuto come condanna. A volte è inteso come risorsa contro le brutture del mondo, a volte come puro istinto primordiale, altre come violenza cruda e semplice. Dal sesso occasionale al sesso di gruppo, il sesso per dimenticare o per guadagnare, il sesso virtuale o il sesso per amore, sino a raggiungere il punto più estremo e ci ritroviamo tra le lenziola con il Diavolo in persona.

‘Pensieri peccaminosi nelle loro menti, voglia di evasione, di vivere, sentendosi prigioniere in un posto che, anziché le sbarre, ha solo portoni e tanta solitudine.
Una sera, durante un temporale, si strinsero forte, i tuoni erano minacciosi e loro si sentivano in balia di qualcosa che le avrebbe distrutte. Quell’abbraccio fu l’inizio del loro amore, una amore viscerale …’

Tanti punti di vista, tante diverse sfacettature, tanti personaggi per ogni tipo di lettore. Questa prova letteraria rappresenta una grande prova di coraggio di Emanuela, almeno dal mio punto di vista, ed è, come tutti i suoi scritti, di un forte impatto emotivo, sociale e culturale, dotato di un’attualità che sconcerta e arricchisce.
Non tutti, al giorno d’oggi, sono disposti a parlare di sesso e, in un certo senso, mettersi a nudo di fronte all’opinione pbblica.

Personalmnte, rispetto enormemente quest’autrice e resto in attesa del suo ultimo romanzo che sarà di un genere totalmente opposto ma, sono certa, ugualmente affascinante.

Una menzione, non da ultimo, và fatta all’autrice della copertina di “Bianco e nero”, Francesca, la figlia di Emanuela, per la bellissima idea grafica.

Buona lettura! Non vi annoierete di certo!
Linda Bertasi

*************************************************************

IL MIO TERZO LIBRO – OFLE TRA I DUE MONDI

IL MIO TERZO LIBRO - OFLE TRA I DUE MONDI - Agorà News on Line

PREFAZIONE

 

‘ «Cos’è un miracolo?»

  « Un miracolo per noi è qualcosa che accade all’improvviso e ti cambia la vita in meglio.»’

 

Immaginate un mondo dominato da un tripudio di colori, dove gli abitanti sono cordiali e coesistono, aiutandosi l’un l’altro, immaginate un mondo dove Madre Natura culla con una profumata carezza i suoi frutti, immaginate un mondo dove l’odio e l’inimicizia sono parole incomprensibili. Ora aprite gli occhi e avrete davanti il mondo incantato da cui proviene Ofle, l’elfo.

E poi immaginate un mondo che sia tutto l’opposto, dove gli abitanti sono divorati da odio e rancori, immaginate un mondo dove serpeggia la malattia, eterna compagna della morte di nero vestita.  Un mondo dove le armi da fuoco e la violenza sono all’ordine del giorno e un sorriso è merce rara. Avrete davanti il mondo in cui vive la piccola Ori: una caotica e affaccendata New York demolita dallo scorrere frenetico del tempo.

Questi due mondi sono paralleli gli uni agli altri ma non si sfiorano mai se non con il fiato della fantasia e dei sogni che Ori custodisce dentro di sé. Una vacanza in Irlanda, in una baita tra i boschi, muterà radicalmente ciò in cui lei crede e lo stesso varrà per Ofle, l’elfo che vive oltre la barriera dell’ invisibile. I due riusciranno a infrangere i confini che li tengono separati, dando inizio a un magico viaggio inaspettato.

Questo è un romanzo che ti entra dentro passo dopo passo, parola dopo parola. Chi ha letto Emanuela Rocca si ritroverà spiazzato e catapultato in una favola moderna, trasudante di insegnamenti che, forse, abbiamo dimenticato.

Ci ritroveremo al fianco di Ori mentre cavalca pesci giganti, mentre doma la groppa di un drago in volo, per poi salire su un isola galleggiante nell’atmosfera o pernottare in un castello di ghiaccio. Saremo affiancati da fate, elfi, maghe, gnomi e la loro comunità ci apparrà tutto tranne che anomala.

Ma il romanzo di Emanuela non è solo la storia di un viaggio fantastico, è la contrapposizione netta di due mondi agli antipodi. E’ una storia  che spinge a riflettere e a porsi due domande sulla società in cui viviamo. Un mondo che spiazzerà Ofle e il lettore stesso, ormai assuefatto dal quotidiano e dai ritmi indiavolati che ci impone.

Il libro di Emanuela è un libro per sognare, è un libro che vuole stimolare l’angolo remoto della nostra mente dove ancora albergano i sogni, vuole ricordarci che non è mai finita finché continueremo a sognare perché proprio nei sogni alloggia la verità.  E forse è vero, forse bisognerebbe tornare bambini per apprezzare il verde delle foglie, il profumo dei fiori o il sorriso di una fata.

Non vi augurerò ‘buona lettura’ perché so già che lo sarà, ma vi chiederò di porre occhio attento e orecchio aperto, leggete questo romanzo cogliendone ogni sfumatura, ogni allegoria. Leggete questa favola con quella parte remota del vostro ‘io’ che credete troppo cresciuta ma che, in fondo, avete solo abbandonato. Scoprirete qualcosa che non avevate immaginato, scoprirete l’invisibile che ancora alberga in voi, basterà solo addentrarsi nel mondo di Ofle, aprire il cuore e lasciarvi condurre per mano dalla fantasia e da questa narratrice d’eccezione.

Buona lettura!  Linda Bertasi Scrittrice

*********************************************************

ALTRA RECENSIONE del 29 luglio 2014  da parte dello scrittore e giornalista Daniele Poto

RECENSIONE  PER  OFLE TRA I DUE MONDI

Emozioni. Allo stato puro. Nel regno del fantasy. Emanuela Rocca in termini calcistici si direbbe una scrittrice capace di svariare sulla fascia. Libera e autoritaria nel passare dal romanzo erotico che regala brividi al distillato di azioni e fatti favolistici. Con l’immutata capacità di farsi leggere e addirittura divorare. Già, perché il suo lettore è invariabilmente vorace nello sviluppo di situazioni che costituiscono le trama connettiva del libro. Un dono naturale che l’autrice mostra di maneggiare con cura e cautela, senza esagerare, senza farsi prendere la mano, dalla piacevolezza della narrazione ma puntato dritto sul bersaglio grosso del risultato e della sintesi finale. Scrittrice non precoce ma magnificamente maturata e ora in grado probabilmente di affrontare nuovi generi alla ricerca di novità. In questo senso, nel suo interessante percorso “Ofle- tra i due mondi” è una prova d’autrice. Un libro sulla natura, uomo e animali, sullo sviluppo del futuro, letteratura e sviluppo interno. Solido artigianato e trama dal forte scheletro e impatto, sviluppata con linguaggio semplice e senza pose. In definitiva un libro che avvince, serenamente da consigliare.
Daniele Poto

*********************************************************** OFLE TRA I DUE MONDI, Emanuela Rocca

copertina ofle (1)I

Un libro Fantasy, un libro che ho chiuso solo dopo aver letto l’ultimo punto.

Racconta di un Elfo, OFLE di 120 anni e di una bambina, ORI, di 7 anni che si incontrano in Irlanda, tra i boschi e subito nasce una grande amicizia. I due iniziano un viaggio, un viaggio inaspettato, pieno di sorprese, emozioni, un viaggio che cambierà la vita ad entrambi.

“Ciao, come ti chiami?”

“Io mi chiamo Ori e tu chi sei?”

“Io sono un elfo e il mio nome è Ofle, abito in questo bosco”

“Cosa sono gli elfi?”

 

Questo libro vi farà scoprire due mondi paralleli, quello di Ofle, il mondo incantato pieno di fate, elfi, maghi, gnomi, dove l’odio non esiste, dove si impara solo la parola amore, dove tutti gli abitanti si conoscono e si aiutano tra di loro.

E poi…  il mondo di Ori, il nostro mondo, completamente opposto. Viene descritta la città di New York, dove gli abitanti litigano, usano armi da fuoco, dove esiste la malattia e l’odio.

Emanuela Rocca, descrive entrambi i mondi in modo dettagliato, il lettore riesce ad immaginare perfettamente dove si svolge la storia. La descrizione dei colori, degli alberi, degli animali e poi quelli dei palazzi, delle strade, della gente che corre per andare a lavorare nel traffico della grande città, permettono di identificarsi meglio con le sensazioni di entrambi i protagonisti.

 

“I quattro amici si incamminarono tra i boschi rigogliosi e prati curatissimi dove piante di ogni specie mettevano in risalto fiori e frutti. Uccelli e farfalle dai colori vivaci svolazzavano sereni intorno a loro. Arrivarono ai piedi della cascata dove l’acqua aveva creato uno splendido laghetto trasparente. Ori non sapeva dove guardare, tutto era fantastico, la natura, gli animali, la musica che sentiva, i suoi amici, il calore che sentiva per questa amicizia così forte e vera.”

 

Questa è una favola, una bellissima e unica favola capace di fermare il tempo intorno a te, di farti dimenticare di mangiare e dormire finché non lo hai finito.

Un libro che vi farà riflettere sulla società in cui viviamo, sulle cose brutte che esistono ma anche sulle cose belle, vi farà emozionare immaginando di essere voi in groppa ad un drago in volo o dentro ad un castello di ghiaccio o salire sopra un pesce ed attraversare una cascata.

Questo è un libro che vi farà sognare, vi farà tornare bambini.

È un libro che consiglio a tutti, che consiglio di leggere con altri occhi, usando la fantasia e lasciandovi trasportare da ogni sensazione..

Lettura consigliata anche ai più piccoli, l’ho fatto leggere a due bambine di 10/12 anni e sono riuscite a capire il vero senso del romanzo.

 

Veronica

 ********************************************

ULTIMA RECENSIONE PER IL MIO PRIMO ROMANZO “IL SOLE E LA LUNA”

ULTIMA RECENSIONE PER IL MIO PRIMO ROMANZO "IL SOLE E LA LUNA" - Agorà News on Line

 RICEVO ORA UNA RECENSIONE PER IL MIO PRIMO ROMANZO IL SOLE E LA LUNA (di prossima ripubblicazione) DAL GIORNALISTA E SCRITTORE DANIELE POTO

RECENSIONE LIBRO EMANUEL ROCCA – IL SOLE E LA LUNA
“Il Sole e la Luna” di Emanuela Rocca è la realtà che s’incarna in un libro, nella letteratura. Una storia dei nostri giorni, la scorciatoia più gettonata tra persone adulte per conoscersi: internet, un sito molto gettonato (probabilmente meetic), la virtualità che diventa quasi pratica e scelta di vita. La vita dell’autrice che si miscela e si confonde con quella della protagonista Ambra. Nel libro come nella vita di tutti giorni è la donna che si dona e si offre, da di più nel rapporto, chiede non pretende, non implora, mentre l’uomo si presta al gioco seduttivo-sessuale ma con minore slancio, con maggiore incertezza. E’ la donna che si mette in gioco, si mostra, biblicamente anche mentre lui si ritrae, si nasconde. Forse presenta una doppia identità. Ha un problema psicosomatico che si presenterà più avanti. Così mentre il clima sembra poter esplodere nella piena comunione dei sensi c’è la frenata, lo strappo. La freddezza, la disillusione, il passo indietro. Fino al traumatico finale che non sveleremo. Emanuela Rocca t’incatena davanti al libro, te lo fa vivere e te lo anima. Ti eccita e ti intriga, ti conduce nella serrata conversazione epistolare che mai annoia nel batti e ribatti della situazioni. Svicola abilmente tra situazioni hot e routine. Tra computer che non funzionano, un’avanzante noia raggelata nel rapporto tra i due (maschio e femmina) man mano che il lettore stesso si rende conto che tra i due protagonisti un incontro in carne e ossa non ci sarà mai. E che la sagoma sfuggente dell’uomo tutto potrebbe riassumere: bugie, un’identità di genere persino differente, qualunque tipo di manipolazione. Dunque il libro ti mette anche in guardia sui pericoli e i rischi della virtualità: un mondo parallelo dove realtà e finzione si confondono continuamente e il gioco è continuamente inquinato dalla dissimulazione. Crediamo che l’autrice conosca bene questo mondo e abbia imparato a gestirlo. Ma fuori dalla contiguità tra letteratura e finzione abbia trovato una sicura chiave d’artigianato per specializzarsi in questo comparto: la gestione difficile e sperequata dei rapporti tra uomo e donna, un arcipelago di condivisione che ci riserva continuamente sorprese. Come la vita che viviamo.
by Daniele Poto

*********************************************

e questo:  http://occhiodelladeadeglielfi.blogspot.it/2014/05/bianco-e-nero-ofle-tra-i-due-mondi-di.html

martedì 6 maggio 2014

Bianco e Nero & Ofle tra i due mondi di Emanuela Rocca

Buon pomeriggio a tutti!
Per prima cosa volevo scusarmi per la lunghissima assenza ma alcuni problemi di salute e la revisione del secondo volume di “La Leggendaria Guerriera” mi hanno tenuta lontano da voi per qualche tempo. SCUSATEMI!
Nei prossimi giorni vi presenterò molti libri affascinanti e ne recensirò alcuni di essi, che ho avuto modo di leggere con moltissimo piacere.
E inizio proprio stasera con la presentazione delle opere di Emanuela Rocca.

-Titolo: Bianco e Nero

-Genere: Racconti erotici

-Autore: Emanuela Rocca

-Data d’uscita: Giugno 2013

-Prezzo: 10 €

-Dove trovarlo: IBS

Trama:

Andrew è un bellissimo ragazzo bruno, con un viso particolarmente bello e due espressivi occhi grigi. Ama pettinare i suoi capelli a spazzola, alzati sulla nuca che gli danno un tono diverso. Ha due splendide gambe, cosa rara in un uomo, e il suo corpo sembra scolpito nel marmo. É un grande amatore e adora le belle donne preferibilmente scure di capelli…

…La ragazza si sedette di fronte al ragazzo e iniziò a cercare nella borsa dei fazzoletti per asciugarsi, mentre l’autista, ogni tanto dallo specchietto, guardava la scena…
…«Ha prenotato?»
«No, sono partito all’avventura» rispose lui sorridendole. «Nessun problema. Vediamo se posso inserirla tra gli appuntamenti.» «Bene» aggiunse lui sereno «Io sono qui e aspetterò.»…

…Andrea era un ragazzo meraviglioso, sembrava scolpito nel marmo, ma la sua bellezza era negli occhi, due grandi occhi grigi in un volto bellissimo, dai lineamenti duri, ma perfetti.
Aveva conosciuto Livia in una discoteca e si erano subito piaciuti. Anche lei aveva due magnifici occhi verdi , un  viso ovale con un nasino perfetto, due  labbra carnose,  rosse come i petali di una rosa…

…Da un anno si era lasciato con la sua donna e un suo amico gli aveva consigliato di entrare in chat; lì avrebbe avuto l’opportunità di conoscere tante persone che in un altro modo non avrebbe mai potuto incontrare…

-Titolo: Ofle tra i due mondi

-Genere: Fantasy

-Autore: Emanuela Rocca

-Data d’uscita: Gennaio 2014

-Prezzo: 20 €

-Dove trovarlo: IBS

Trama:

Immaginate un mondo dominato da un tripudio di colori, dove gli abitanti sono cordiali e coesistono, aiutandosi l’un l’altro, immaginate un mondo dove Madre Natura culla con una profumata carezza i suoi frutti, immaginate un mondo dove l’odio e l’inimicizia sono parole incomprensibili. Ora aprite gli occhi e avrete davanti il mondo incantato da cui proviene Ofle, l’elfo.
E poi immaginate un mondo che sia tutto l’opposto, dove gli abitanti sono divorati da odio e rancori, immaginate un mondo dove serpeggia la malattia, eterna compagna della morte di nero vestita.  Un mondo dove le armi da fuoco e la violenza sono all’ordine del giorno e un sorriso è merce rara. Avrete davanti il mondo in cui vive la piccola Ori: una caotica e affaccendata New York demolita dallo scorrere frenetico del tempo.
Questi due mondi sono paralleli gli uni agli altri ma non si sfiorano mai se non con il fiato della fantasia e dei sogni che Ori custodisce dentro di sé. Una vacanza in Irlanda, in una baita tra i boschi, muterà radicalmente ciò in cui lei crede e lo stesso varrà per Ofle, l’elfo che vive oltre la barriera dell’ invisibile. I due riusciranno a infrangere i confini che li tengono separati, dando inizio a un magico viaggio inaspettato.

*****************************************

PER IL SOLE E LA LUNA

Cara Emanuela,

io sono quello che mi piace definire “un cacciatore di profili”, dato che la cosa che faccio con maggior interesse quando mi collego ad una chat, è appunto leggere i profili delle mie “prede” (in senso buono naturalmente).

Viene subito da pensare che il passo successivo sia cercare di contattare l’autore di quel profilo, ma non è esattamente quello che faccio.

Pochissime volte succede che provi a contattare la “malcapitata” preda.

Mi soffermo moltissimo sul “a proposito di me”, e spesso sulla foto (come nel tuo caso). Poi rileggo, riosservo……. prendo la mira.

Poi, il più delle volte, lascio che la preda si rimescoli in mezzo a tutto quel groviglio di spazi e di volti che compongono la chat, e non ritorno più su di lei.

La tua immagine mi ha colpito ed affascinato in modo particolare, e questo credo di averlo già manifestato; e concludendo quel primo contatto ho voluto farti omaggio di un versetto estrapolato da quella che ho definito “riflessione in rima” che ho composto, ma che in realtà si articola con una metrica e un fraseggio diverso da quello che ti rappresentato, ma che comunque si dimostrava adatto alla circostanza.

Per te non ho ancora composto niente, ma credo che lo farò presto, perchè se prima di leggere questo particolare lavoro mi hai ispirato quelle poche frasi, ora, a lettura ultimata, ho migliaia di parole in testa che stanno girando e che si stanno delineando, e che finiranno, come succede sempre, sulla carta nell’ordine che io vorrò impostare.

Ma non ho fretta che questo accada, perchè la lettura che hai voluto così affettuosamente consentirmi di osservare, ripercorre, magari in un ordine diverso, buona parte della mia vita di coppia, anche se riflette praticamente tutte le sensazioni descritte in questi messaggi.

. La realtà e l’umanità esposte con naturale attualità.

La paura e la spregiudicatezza nei ruoli dei due personaggi.

Il “volare” sublime e l’eccedere trasgressivo di un sentimento alto e nobile come la passione portati ai massimi livelli.

Il trasporto ed il coinvolgimento dell’unione dei corpi, esaltati oltre la ragione.

L’affetto e la disinibizione, la voglia e la disperazione, la vicinanza e la distanza……….

La bellezza reale e quella virtuale.

La vita che riprende il suo corso, l’ansia, la fuga, lo smarrimento ed infine la morte che interviene inesorabile.

 

Quello che scrive, mia cara, è un uomo di 48 anni, e che come Ambra ne dimostra molti meno; un uomo che si è imposto sul suo genitore e che ha dovuto combatterlo, cercando di proteggere tutto il resto della famiglia, e prendendo su di sè ogni responsabilità e conseguenza; un uomo che non ha perdonato il padre nemmeno dopo la sua morte.

Un uomo fortunato perchè ha al suo fianco una donna che lo ama e che lui ama nel modo in cui tu hai saputo descrivere così bene in queste pagine, decantando e sublimando l’appagamento della passione e della complicità non solo nel contatto dei corpi, ma soprattutto nel magnetismo mentale, quello che crea uno stato di ebrezza sessuale e passionale smarrimento.

Ma ti dirò di più, leggendo ho riprovato quella sensazione di novità, di curiosità, di sfida che è la componente “logica” che mi ha portato ad entrare in chat.

Non un bisogno in particolare, ma un qualcosa che pensavo poter essere in grado di gestire con personale e distaccata maestria, ma che anche per me, in un occasione, si è rivelato sconvolgente, e forse, come poi è successo ai due protagonisti, proprio a cusa della schermatura del monitor e proprio perchè ad un certo punto della confidenza virtuale non si riesce più a solo a giocare e non ci si limita più soltanto a leggere, ma ci si lascia coinvolgere emotivamente e si dà più peso alle parole scritte e non “dette”.

Gli stati d’animo, le incomprensioni, le ansie, le pause …… i silenzi, le parole che cambiano significato, anche quelle che si possono soltanto leggere e non interpretare……… io ho già provato tutto questo.

L’unica differenza è che mentre i tuoi personaggi hanno mantenuto, com’è normale che sia, il loro ruolo fino alla fine, a me capita di alternarmi, più volte durante la lettura, nei due rispettivi ruoli, anche se io non somiglio affatto a Mark, piuttosto mi sento motlo più Ambra, o giù di lì.

Sinceramente in apertura, le primissime righe, non danno l’impressione che già nella seconda pagina ti possa trovare letteralmente assorbito in quella lettura che dovrebbe essere fatta senza interruzione alcuna, ed il finale è sconvolgente ed inaspettato.

La parola “Fine” la toglierei, non credo che sia indispensabile; almeno, questo di lettore, ha avuto bisogno di tempo di riflettere dopo …………il nulla………

Considera che a pag. 80 avevo un nodo in gola e a pag. 81 le lacrime agli occhi.

Una frase che mi ha colpito e che trovo di una bellezza unica, quando lei dice a Mark che con lui potrebbe far l’amore ovunque………anche sopra una foglia; la dolcezza di questa combinazione di parole è divina, e denota tutta la sensibilità che sicuramente fà, dell’autrice, una creatura estremamente intelligente ed emotivamente coinvolta nel racconto.

Cara Emanuela,

o forse dovrei chiamarti Ambra,

noi non ci conosciamo affatto, se non per quel minimo sindacale dato dai nostri rispettivi profili; io non sono uno scrittore, nè un autorevole recensore di parole e probabilmente tradirò le tue aspettative  circa la mia opinione riguardo a questo tuo lavoro; ma se soltanto fossi io in grado di farti capire quanto questa opera mi sia piaciuta sotto il profilo umano, credo che riuscirei a rappresentare solo un milionesimo dell’emozione che provo anche in questo istante. Ho un groppone in gola, che non riesco a togliere da qualche giorno.

Questa composizione ha il sapore di una poesia, la vivacità di una melodia, la passionalità di un rumba, l’emotività del contatto, la purezza del gesto, la delicatezza di un bacio, la sensualità dell’inibizione, la forza della determinazione, la capacità dell’improvvisazione …………l’indifferenza della debolezza ed in ultimo la percezione del dolore, fino alla morte.

Una lettura che , ripeto, andrebbe fatta senza interruzione; coinvolgente al punto tale, che per quanto la dose di erotismo sia altissima, non ha emotivamente suscitato in me alcuna “reazione di tipo carnale”. Ed il riferimento a “Bertolaso”……..assolutamente intelligente ed esilarante.

In qualche punto, qua e là, qualche piccolo errore, qualche frase non troppo chiara, Niente di che……..tutto riparabile.

Che aggiungere ancora, Emanuela, credo di poter senz’altro dire che nel mio mirino intravedevo un cerbiatto, ma quando ho capito che poteva trattarsi di elefante….beh mi sbagliavo, era un dinosauro.

Complimenti alla scrittrice, anzi alla poetessa, con l’augurio di un grandissimo successo.

Grazie ad Ambra, che mi ha fatto rivivere parte della mie esperienze, e che come ogni altra donna che sa amare come lei, “senza tabù”, il proprio compagno (e sono veramente poche) non meritava di finire così.

Grazie anche a Mark, per il suo ruolo di attore e non di regista; anche se sono convinto che per intrigare una donna e portarla a quello stadio di eccitazione non serve affatto essere volgari; ma è anche vero, che l’uomo può anche essere maschio nel suo fare, ma il maschio non potrà mai essere uomo nelle sue azioni.

Un grazie ad Emanuela, alla sua divina dote e capacità di raccontare l’intimità e passionalità di una creatura che può solo essere amata.

Raccontare le proprie emozioni, le sensazioni senza veli, descriversi nel corpo e nell’anima, non è cosa da tutti, ma solo da esseri superiori.

E credo anche riguardo alla bellezza si possa anche avere ognuno la propria opinione, ma riguardo al sublime si può solo ammirare e rimanere incantati.

Ti invierò, per ricambiare il gesto (che considero di grande privilegio ed onore), alncune mie “riflessioni”, chiaramente niente che possa essere paragonato al tuo livello artistico, alcune delle quali molto recenti, addirittura con solo qualche ora di anticipo sulla lettera del tuo testo.

Noterai che non attribuisco titoli e che non seguo nessuna rima, perchè le mie sono riflessioni emotive e non hanno bisogno di seguire un ordine, ma solo di essere espresse.

Una soltanto, quella in rima, è stata scritta per una persona di questa chat, nel momento in cui ho notato che aveva sostituito la sua foto: quando l’ho contattata la prima volta appariva in lontananza, isolata, seduta molto compitamente sul muretto di un marciapiedi, sullo sfodno di un prato cittadino; e sucessivamente un primo piano preso di lato, quasi in un momento di intimità personale su uno sfondo buoi illuminato da un’aura dorata. Di lei sapevo soltanto che aveva 45 anni, di Palermo, e che era rimasta vedova da tre anni. E quella è stata la mia impressione, che ho voluto comporre in rima per renderle omaggio ed augurarle ogni bene.

Poi toccherà a te farmi sapere cosa ne pensi.

Un affettuoso saluto,

Nicola.

*****************************************

 

Da Bruno Giuncato 11.11.2010     ore 22.57

L’ho letto di un fiato: uno stile vivido, dettagliato, che fa quasi immaginare di esser lì : a me piace ! Francamente, confesso, mi attendevo qualcosa di più modesto ma ovviamente il parere di un esperto, che meglio di me conosce i gusti del lettore medio, può essere diverso: la commerciabilità é correlata al gusto del lettore medio, no? Avrei piacere comunque che tu ricevessi gratificazione dal tuo impegno; alla mia amica glielo ho già inviato, via mail, senza esprimere però alcun commento, salvo ovviamente il fatto che la cosa mi interessa.

Il caso, che in fondo determina tutto nella vita, chissà, anche da questo nostro inusuale incontro, in qualche modo potrebbe favorirti.

Io me l’auguro e te l’auguro.

Ancora complimenti mia nuova amica.

*******************************************

 

Nicola — 11:22

beh, direi che il primo commento, di tal…Bruno mi sembra, sia molto simile alla mia impressione. Per il resto, non voglio commentare; distinguendo tra sesso e amore………nel libro si parla di una donna che ama da subito, il sesso vorrebbe farlo Mark e non Ambra. Ma il regista reagisce come Mark, e quindi il suo commento non conta. Certo che l’erotismo s’impone nel testo, ma non è mai sesso, caso mai è amore senza tabù, ed io lo trovo meravigliosamente attuale, ma solo per le persone che amano veramente. E credo tu non sia seconda a nessuno, per descrivere queste sensazioni bisogna provarle: Orzo Bimbo non è per gli uccellini (come diceva uno che non c’è più). Certo è che ci si merita anche di vivere delle proprie soddisfazioni, oltre che delle proprie fatiche; perciò credo il pubblicare o meno questo testo dipenda soltanto da te, e non dagli altri. Appena saremo entrambi un pò più liberi dai nostri impegni, ne parleremo più approfonditamente di questo progetto, e vedrai che riuscirai a realizzarlo.

 

*******************************************

 

Buonasera Emanuela, ho appena finito di rileggere il tuo capolavoro. Sono sensibilmente commosso, e non immagini quanto mi stia sforzando di trattenere le lacrime, e ti confesso che anche se sarei felicissimo di intrattenermi con te dopo cena, ho deciso che approfitterò della prima TV di stasera su Rai Uno. Almeno avrò una scusa per versare quelle lacrime che mi sforzo ancora di trattenere; Filomena Marturano sarà un’ottima copertura. Voglio dirti con assoluta lucidità che seppure ho trovato emozionante leggere il tuo libro la prima volta, nel rileggerlo ho provato non solo le stesse emozioni negli stessi passaggi, ma ulteriori emozioni in altrettanti passaggi.Credo che sia in assoluto il lavoro più toccante che mi sia mai capitato di leggere, e francamente sarà molto difficile, per me, poterlo rileggere ancora, perchè…….non sò descriverti il perchè, in questo momento vorrei solamente avere la forza di continuare a scrivere la mia emozione, ma sò già che non riuscirò a farlo. Io credo che mai possa essere stato raccontato l’amore in una forma più alta e nobile, di come hai potuto fare tu, e credo che proprio per questo motivo questo lavoro si distinguerà da tutte le altre opere, per la sua genuina freschezza, e per la sua sensibile unicità. Credo, anzi ne sono assolutamente convinto, che quando mi hai proposto di leggere questa tua opera, nemmeno tu immaginavi di farmi un dono così bello, e credo che dire di essere grandemente onorato di aver beneficiato di questa esclusiva, comunque non renderebbe minimamente l’idea di come mi possa sentire lusingato da così gradita attenzione. Grazie Emanuela, per aver stimolato così affettuosamente le mie emozioni, che per quanto possa fare non riuscirò mai ad eguagliare nei tuoi confronti. Ti chiedo di perdonarmi, ma stasera non riuscirò a stare davnti alla tastiera cercando di far finta di niente. Non sò se puoi capire, ma questo è l’effetto per aver riletto con la giusta attenzione, ascoltando prima ancora di leggere il battito del cuore di ha descritto questa affascinante e struggente esperienza. Scusami, ma non riesco a continuare…………

*******************************************

Paolo — 09:03

buongiorno tesoro sto leggendo il tuo illuminato libro che  coinvolge intensamente. Sei meravigliosa una meteora luminosa che sfreccia nel cosmo.. come gia ti avevo descritto ,,, come ben sai x vedere la bellezza del cosmo non tutti hanno la possibilità ad occhio nudo … ma solo chi ha interesse sui misteri dell’universo……….. sei mitica dolcissima EMANUELA Un brillante inizio settimana

 

Paolo — 10:14

tesoro lo sto divorando e ti dico che sono sconcertato e continuo al non capire come la chat ha rovinato la vita reale complimentiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

 

 

Paolo — 13:22

amore le ultime pagine le ho finite adesso ti chiamo subito emozionate ma anche sconvolgente

****************************************

 

Andrea — 15:35

Ho letto un po… davvero bello, sei brava a raccontare…intrigante

 

 

Li scrive (18.12):

*ciao emanuela…

*ho iniziato a leggere le prime 60 pagine a pausa pranzo,*forse avevi ragione…del libro,sconvolgente….affascinante…se nn avessimo parlato prima…quasi sarei stato spaventato da te…

Se questo libro ritrae te stessa…riesci ad essere invidiabilmente romantica e allo stesso tempo…perfidamente femmina….credo che stasera, al massimo domani lo finisco, non vedo l’ora di leggere come finisce

sei riuscita ad incuriosirmi in modo indicibile , è una storia vera?

trascina la lettura. trascina e come, ti viene di leggerlo tutto di un fiato non ci credevo…invece è incredibilmente vero non vedo l’ora di andare a casa per finirlo

E’ il regalo più bello che ho ricevuto negli ultimi 10 anni, non lo avrei mai pensato che mi capitasse una cosa del genere, contentissimo di averlo ricevuto grazie.

non lo acquisterò….lo prenoto subito, già da ora  hai scelto la copertina?

 

ciao …ho appena finito di leggere il tuo capolavoro, cavolo….sconvolgente mi è piaciuto tantissimo,

ma più che il racconto…se ambra sei tu….

sei una persona fenomenale, io non riuscirei ad essere tale,,così altruista….così sempre gentil e generosa.Non ho mai conosciuto una persona del genere, forse è proprio questo il fattore che mi ha sconvolto

*riuscire sempre a “perdonare”…*riuscire sempre a vedere il lato buono delle cose…non riesco nemmeno ad immaginare come fai

come sono fatto io…dopo qualche mail “fredda”…avrei chiuso in tronco, stop,invece ambra è riuscita a continuare….a perseverare…in quale modo ed in quale maniera non lo so’…ciò che per me resta misterioso è come sia riuscita ad andare avanti….

Tu mi risponderai … il sentimento, l’amore …..ma quando questi sentimenti non sono corrisposti allo stesso modo…bho’….

ora ho il cervello intasato….intasato dai dubbi….intasato dalla lettura che ho fatto in 3 o 4 ore

intasato da un mare di domande….dalla curiosità…dal non essere capace ad agire come la protagonista,

dal chiedermi se fossi capace di perdonare

dal chiedermi se fossi capace a dare tanto amore quanto ne da ambra….da troppe cose, dal non ave capito bene la figura do mark

Mi hai di  nuovo ucciso…è la seconda volta!!!! perchè sono in continua riflessione…mi immagino se fosse capitata a me una storia del genere,non mi riferisco al “sesso virtuale” …ma a tutti gli eventi della vita

sarei mai stato capace di cavarmela così elegantemente e semplicemente come ambra?

oppure sarei caduto nella depressione più oscura?

quanti interrogativiiiii….sono fatto così…forse sono troppo sensibile

mi sconvolge ancora di più il sapere che ambra esiste, il fatto che ambra non sia una figura inventata….il fatto che persone di questo tipo esistono.

Te l’ho detto ieri che hai segnato la mia vita….

penso che ambra dovrebbe essere un modello di vita per tutte le persone

questo fatto di nn pensare alle cose materiali, di vivere egregiamente e degnamente con il solo amore

*INVIDIABILE……..in questa frenesia di vita…..mi piacerebbe essere come ambra…saper vivere senza invidia

saper vivere senza pretese.,senza rancori…

te lo dico con il cuore…MAI CONOSCIUTO PERSONA COME TE che, credo pur sapendo, che le persone sono esattamente il contrario di te…riesci sempre ad essere te stessa e donare amore

questo comportamento credo che si possa trovare solo nella BIBBIA…

SONO  S C O N V O L T O !! giuro…ti dico che non sto riuscendo a lavorare…non riesco a concentrarmi sul mio lavoro…ora moltissimi dubbi sulla vita…su quello che è… sono preso dalla rabbia…perchè ambra non meritava affatto quel mark.

Le ingiustizie della vita….ma la risposta a quelle ingiustizie è impressionante…forse è proprio quello che mi ha fatto riflettere ….il rispecchiarmi in alcune situazioni..il dare tutto l’amore….ma non riceverne la stessa quantità….perchè per una persona che dà, ce ne sono milioni che non danno

Esiste  però qualcuno che è così, ma in tutto il mondo ne esisteranno 10

Io non ne ho mai incontrati in 38 anni di vita,   sei tu la prima

*********************************************

 

 

 

Runa — 13:30

è molto bello che la storia “d’amore” virtuale si svolge tra due persone non più giovanissime, è commovente ed intrigante al tempo stesso

è bello scoprire i pensieri e le emozioni di ambra, ed è commovente sentire che appartengono a tutte le età

è bello anche che non c’è nessuna vergogna di raccontare un amore nato cresciuto e finito solo virtualmente

è bello che lo racconti con sincerità e spudoratezza, questo rende già tutto molto “vero”

è bello anche il tuo atteggiamento quasi da Gheisha…disposta a far tutto per un uomo mediocre

in fin dei conti mediocre, ed è molto bella la poesia che hai scritto sull’amicizia

i discorsi e i giochi sessuali sono quelli più avvincenti e veri, andrebbero valorizzati di più

perchè avrebbero più risalto invece le cose più emozionanti

invece ci sono momenti e situazioni che meriterebbero ben altro valore…

poi ci sono battute carinissime come piazza di spagna e piazza del popolo.. resta il fatto che è tutto molto intrigante…non a caso l’ho finito così presto 🙂

*******************************************

Mark — 16:30

Ho letto il tuo romanzo,  è bellissimo

è molto profondo e stilisticamente scorrevole

una bella prosa direi

*******************************************

From: mezzelfa
Date: Mon, 21 Feb 2011 18:59:46 +0000

Ciao Manu,
chi ti scrive è Silvia la figlia di Nilde.
Ebbene si, oggi pomeriggio ho finito finalmente di leggere il tuo libro, volevo scriverti appena finito di leggerlo, ma non ce l’ho fatta…
Mi sono dovuta soffermare per un po a pensare a ciò che avevo appena letto, pochi libri mi hanno fatto questo effetto, cioè di farmi pensare alle parole appena lette per un bel po’.
Man mano che leggevo, mi immedesimavo sempre di più in Ambra, posso giurarti che ha un certo punto ho avuto l’impressione di sentirla respirare, credo che ogni donna si sarebbe immedesimata in lei, nonostante i protagonisti siano due, la star assoluta di questo libro è lei.
Ti conquista il suo essere passionale praticamente in tutto, il suo lasciarsi andare, il suo essere assolutamente trasparente in tutto quello che fa e che dice.
Non si vergogna di nulla, ammette addirittura di essere anche perversa nel lato sessuale, cosa che in parte abbiamo tutte, ma che pochissime donne riescono ad ammettere ad alta voce come fa lei.
Leggevo quasi con foga, troppo curiosa di sapere cosa sarebbe successo nella pagina successiva, cosa le avrebbe scritto Mark e cosa avrebbe poi risposto lei.
Nonostante si parli in modo molto esplicito di sesso, la cosa buona è che questo non mi ha disturbato.
Il finale mi ha lasciato a dir poco sconvolta, mi ero affezionata davvero ad Ambra e quando ho visto la fine che ha fatto per un’attimo ho avuto l’istinto di prendere il telefono e di dirti:
“Ok ora ti uccido!”
Purtroppo quando leggo un libro che mi piace mi ritrovo a voler bene ai personaggi, e ho voluto veramente bene ad Ambra!
Complimenti Manu, questo libro tocca davvero nel profondo, almeno per me è stato così, mi ha davvero preso, ti auguro con tutta me stessa che faccia successo, perchè merita davvero tanto!
Un bacione Silvia

*********************************************

Flavio — 20:48

ho iniziato a leggere il tuo libro..ero troppo curioso, beh già dalle prime pagine posso dirti che è una bomba atomica quel libro!! a me dispiace solamente di aver chiuso perchè era tardissimo…ti incolla pagina dopo pagina..sei drogato da cio’ che leggi,  vuoi saperne sempre di +…cazz riesci ad entrare nell’intimo delle persone con quello che hai scritto….è impressionante credimi…riesce ad emozionare tanto. ….entri nell’intimo + nascosto delle persone. Emanuè con questo libro sfondi x la miseria, fallo assolutamente pubblicare …e sono solo a pag. 21…devi essere orgogliosa J ….ora ci organizziamo x vederci io e te..dobbiamo lavorare alla copertina

********************************************

 

[12.14.53] NicolaSantoro1962: Ma sarò cretino!? mi sono emozionato come un ragazzino, a rileggere la mia “recensione”. Se volevi farmi emozionare, ci sei riuscita. Avevo le lacrime agli occhi, credimi. Eppure ogni parola, ogni frase la ripetevo a memoria, con la stessa emozione di quando l’ho scritta. Scusa, ma non riesco a credere che ci sia qualcuno che abbia capito il tuo lavoro provando le stesse cose che ho provato io. Quelle parole non sembrano nemmeno pensate, ma scritte solamente per istinto. Stò scrivendo un mucchio di fregnaccie … bisogna che chiudo, sono confuso adesso

*****************************************

 

EUGENIA FALCHI

buon giorno, devo dire la verità che il libro merita molto, ti trascina tanto che questo fine settimana vado due gg in beauty farm me lo porto dietro e lo rileggo con calma.  Complimenti e buona giornata

********************************************

 

  • enzo avolio

Ho letto invece il tuo lavoro e l’ho trovato affascinante; sicuramente efficace sotto il profilo editoriale…potrebbe diventare un best seller perchè a mio avviso, per quanto poco adattabile alla cinematografia o al teatro, perfettamente aderente ai nostri tempi. Ti auguro le più belle cose. Baci.

*******************************************

  • Cesare

ciao Emanuela ho cominciato a leggere il tuo libro, molto interessante, intrigante hai ragione, si vuole andare avanti per vedere subito coma va a finire. Ho letto una trentina di paginee poi mi piacerebbe parlarne con te speriamo di trovarci presto un bacio , Cesare

******************************************

 

Romano — 20:16

ti faccio ancora i miei complimenti per il tuo libro e per te che sei meravigliosa

********************************************

 

Marco — 17:59

Ho letto il tuo libro mi è piaciuto molto…hai una notevole fantasia erotica…anche la prosa scorre bene… ho letto quello che scrivi….sei profonda… entri nella dinamica relazionale.. la sai approfondire.. analizzare.. non commento i dialoghi…quelli fanno parte dei personaggi…. sono erotici…ma molto naturali.. mi piace invece la tua capacita di dipingere i personaggi stessi.. in uno stile erotico-.pirandelliano…sai fare introspezione…hai mai fatto analisi regressiva?

********************************************

 

Alex — 00:15

ho letto il romanzo……interessante…scritto molto bene  e ora penso…..penso a quanto siamo ciglioni noi uomini.. cerchiamo, cerchiamo… ma cosa cerchiamo ancora non si sa, ma siamo sempre alla ricerca … mi ha fatto riflettere il fatto che lei comunque, anche se non lo ha mai visto si è innamorata di che una forma virtuale, di un sentimento descritto di cosa? E effettivamente si fa riflettere anche se io ho gia riflettuto parecchio sulla mia esistenza.

****************************************
Dusty — giovedì, 16 giugno 2011 15:48

ho iniziato a leggere il tuo romanzo..è molto intrigante stasera continuerò a leggerti…mi sto appassionando il tuo libro mi  piace ed molto intrigante..stuzzicante…sono curioso di sapere come va a finire

*********************************************

L’Acrobate — 23:19 Paris

La traduction n’est pas parfaite, mais on comprend bien quand même……très excitant….je lirai la suite tout à l’heure…

La traduzione non è perfetta, ma si capisce ,molto eccitante …… …. ho letto dopo la prima …

cela suffit pour comprendre l’essence du texte…….et faire monter mon excitation….

questo è sufficiente per capire l’essenza del testo e portare ……. il mio entusiasmo ….

***********************************************

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: